Thursday, October 21, 2010

Sfogo d'amor (una sofferta serata di passione)

Oblio! Vano, nell’or si strinse il petto,
mentr’ella pose labbra, e ardi’ nel core
lasciandomi sfiorar, pago d’amore
il fior di pelle sua, qual mio diletto;


e fuor tempi di riso e guardi, e fumi
e fuor tempi di sazietà al palato

colei meco trovo’ delizie al grato,
e del’ millesimato bacco a fiumi..

E quanto foco al tardo! Quanto ardire!
Quale carnale brama ‘n suo momento:
eppur io mi sentia com’un lamento,
ch’in grembo trattenea senz’altro dire..

E come alla tempesta spinge ‘l mare
com’a gridar la forza di volcano
esplose in me una furia d’uragano,
bench’io di strazio nulla ebbi a mostrare

Ma quando in letto ‘l buio erse muraglia
spirata ch’ella fu al sonno silente
potemmi liberar, disio furente:
girommi e scureggiai com’a mitraglia.

No comments: